Salvia fulgens

Descrizione

La Salvia fulgens è un arbusto che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. L’altezza non supera il metro e in genere è in media di 70 cm o più piccola, mentre la larghezza è contenuta, è compresa tra 50 e 90 cm. .Per raggiungere il suo sviluppo massimo sono necessari in media 2-5 anni. In letteratura S. fulgens è citata anche con il nome scientifico di Salvia cardinalis. La specie ha del fogliame di tipo persistente. La coltivazione può essere fatta in: giardino informale, giardino di ghiaia, giardino mediterraneo, vaso o contenitore, giardino architettonico, terrazzo o cortile, giardino roccioso, prato o in pieno campo, giardino fiorito, giardino di campagna, giardino costiero, giardino sub-tropicale.

Messa a dimora

Tipo di Terreno

Il tipo di substrato più indicato per la coltivazione della pianta di Salvia fulgens può essere variabile, quelli che assicurano migliori risultati sono le tipologie: gessoso, grasso, sabbioso e argilloso. Il substrato di coltivazione può avere un pH: acido, alcalino e neutro.

Esposizione

L’esposizione alla luce può essere in pieno sole, mezza ombra, ombra. La S. fulgens possiede una resistenza al freddo non eccessivamente alta che le permette però di svilupparsi a temperature che sono comprese da -5 a 0 gradi durante l’inverno.

Fioritura

Moltiplicazione

Accorgimenti colturali

La S. fulgens è una pianta abbastanza adattabile alle varie condizioni di sviluppo non necessita quindi di accorgimenti costanti. La pianta di Salvia fulgens per vegetare al meglio necessita di una posizione riparata. In merito all’adacquatura non è un operazione così frequente da fare.

Malattie, parassiti e avversità

Adv.

Related Posts