Quando raccogliere i cavolfiori?

I cavolfiori sono piante appartenente alla famiglia delle Brassicaceae o come spesso viene definita Crucifere.

Molti si chiedono quando raccogliere i cavolfiori ovvero il momento migliore e quello di massimo sviluppo delle infiorescenze. Del cavolfiore si consumano appunto le infiorescenze in via di sviluppo i corimbi che devono essere compatti e non allargati.

Di cavolfiore esistono molte varietà le quali si distinguono essenzialmente per la velocità di maturazione e il tempo di raccolta. Le varietà coltivate alla fine del periodo estivo e in autunno quindi nei mesi di settembre e ottobre possono essere raccolte dopo un periodo di crescita di 16 settimane quindi se si è coltivato in questi due mesi possono essere raccolti in dicembre e gennaio.

Le varietà di cavolfiore di taglia piccola hanno un periodo di maturazione abbastanza ridotto rispetto alle altre tipologie. Dal momento della semina a quello di completa maturazione impiegano meno di quattro mesi. Le specie di cavolfiore invernale invece necessitano di un periodo abbastanza lungo di maturazione, sono di taglia tipicamente più grossa e hanno bisogno di almeno 9 mesi di crescita dal momento della semina.

Le varietà estive ovvero quelle che possono essere raccolte già all’inizio dell’estate hanno un tempo di maturazione che va dall’autunno (periodo della semina) al mese di giugno quindi circa 10 mesi. Le varietà estivo-autunnali che si seminano nella tarda primavera possono essere raccolte a fine estate o alla fine del periodo autunnale.

La regola importante da tenere presente è la compattezza delle teste, devono risultare ravvicinate e senza spazi, quelle separate hanno già superato il periodo ottimale di raccolta risulteranno quindi sempre commestibili ma con proprietà organolettiche inferiori.

Adv.

Related Post