Maculature fogliari del Cercis, Albero di Giuda

Maculature fogliari del Cercis, Albero di Giuda post thumbnail image

Descrizione

Le maculature fogliari del Cercis sono una patologia abbastanza diffusa in piante appartenenti a questo genere.

I sintomi più evidenti ovvero le maculature che si possono osservare sulla pagina superiore delle foglie, sono provocate dalla presenza di due funghi patogeni, chiamati: Phyllosticta Siliquastri e Septoria Cercidis.

La malattia non è particolarmente diffusa nei territori a clima mediterraneo, in quanto le temperature ideali per lo sviluppo di questi due funghi sono particolarmente calde. Il clima più adatto che porta il manifestarsi della malattie è quello caldo e molto umido presente solo in alcuni sporadici momenti dell’anno nei nostri territori.

Piante colpite

La pianta più colpita da questa malattia è l’albero di Giuda, in minima parte possono essere colpite anche altre piante appartenenti al genere Cercis.

Ciclo di vita

Nel nostro territorio i funghi patogeni non sono molto diffusi anche se tramite materiale vegetale di importazione possono essere facilmente introdotti.

La diffusione del fungo avviene  principalmente nelle estati calde e molto piovose con un umidità relativa abbastanza alta. La presenza del fungo può essere favorita dall’utilizzo di materiali e utensili non correttamente sterilizzati.

Esso infatti permane sia in stato quiescente che tramite spore sugli utensili usati ad esempio per la potatura, come forbici e seghetti.

Danni

I sintomi di questa malattia iniziano a manifestarsi in modo accentuato nel periodo estivo. Si cominciano a vedere delle piccole macchie necrotiche che non hanno un contorno ben definito e una forma fissa ma sono più o meno irregolari.

Le macchie sono inizialmente di colore rosso ruggine poi necrotizzando diventano nere e portano alla perforazione della lamina fogliare.

Queste macchie hanno una zona clorotica attorno ad esse, se le condizioni sono ideali per lo sviluppo del patogeno iniziano a estendersi e a confluire tra loro portando spesso alla caduta delle foglie colpite.

I danni tuttavia sono solo estetici in quanto difficilmente si hanno conseguenze sulle piante, è doveroso comunque praticare degli interventi per limitare la presenza dei funghi.

Metodi di difesa

La lotta a questi due agenti patogeni: Phyllosticta Siliquastri e Septoria Cercidis viene effettuata principalmente in vivaio e in casi di attacchi molto pesanti. In genere nel territorio Italiano questi funghi non sono molto presenti e non giustificano un trattamento mirato per essere eliminati.

La lotta chimica comunque viene effettuata con prodotti rameici tipo poltiglia bordolese, Ziram e Clortalonil, prodotti a largo spettro impiegati anche per il trattamento di altre malattie fungine.

Adv.

Related Post