Carota

Descrizione

La carota è un ortaggio molto conosciuto e diffuso soprattutto per la grande versatilità che ha in cucina. È un ortaggio a ciclo annuale di cui si consuma la radice fittonante, ne esistono moltissime varietà quelle più diffuse sono elencate di seguito.

Varietà a radice corta

Sono varietà di carote che hanno una radice in genere non più lunga di 10-12 cm.

  • Tonda di Parigi

Varietà a radice media

Hanno una lunghezza della radice che va dai 12cm ai massimo 20 cm.

  • Mezza lunga di nantes
  • Di chioggia
  • Forto
  • Revelino
  • Ascania
  • Chantenay
  • Touchon
  • Nandor
  • Amsterdam

Varietà a radice lunga

Carote con una lunghezza che va dai 20cm in su.

  • S. Valery
  • Flakke
  • A coda di topo
  • Fedora

Le varietà con radice corta e tozza sono l’ideale per la forzatura in cassone, le varietà intermedie e lunghe invece sono più adatte per la semina tardiva e si prestano ad una buona conservazione.

Periodo di impianto, mesi dell’anno

La semina di carote precoci va effettuata nel mese di febbraio, le varietà con radice corta la prima semina all’aperto va fatta nel mese di Marzo a patto che il terreno non sia né troppo umido né troppo freddo, altrimenti aspettare ancora due o tre settimane.

Tipo di Terreno

La sua resa migliore è data da terreni silicei e argillosi e ricchi di concime organico. Sono da evitare terreni sassosi in quanto portano la pianta a biforcazioni della radice. Non devono esserci ristagni d’acqua ma una buona umidità assicura un buon sviluppo della radice.

Il grado di pH del terreno per la coltivazione delle carote deve essere preferibilmente compreso tra 6 e 7, sono adatti quindi terreni leggermente sub-acidi e neutri.

Tecnica di Impianto

Il terreno va preparato in un germinatoio o sotto campanatura (da realizzare prima in modo che il terreno abbia il tempo per riscaldarsi). Per le varietà precoci realizzare dei solchi di profondità 2-3 cm e distanziati tra loro di circa 15 cm, coprire i semi con un sottile strato di terra. La campanatura può essere rimossa a metà aprile, se il clima è secco è importante mantenere umido il terreno. La raccolta può essere fatta nel mese di giugno.
Per le varietà a radice corta la prima semina può essere fatta a marzo. Scavare dei solchi profondi 3-4 cm con una distanza di 25-30 cm, coprire le sementi con un leggero strato di terra facendo scorrere il retro del rastrello sui solchi.

Temperatura ed esposizione

La carota si adatta in modo ottimale a tutti i tipi di climi, per la produzione di sementa però predilige i clima caldo-temperato. Difficoltà si possono avere nelle zone dove il caldo estivo è prolungato e intenso, in questi territori è consigliabile scegliere varietà adatte e preferire cicli colturali che partono dai mesi invernali.

Raccolta per il consumo

La raccolta va effettuata prima che la radice raggiunge il suo pieno sviluppo. A seconda della varietà la raccolta si protrae da febbraio ad ottobre. La prima raccolta può essere fatta quando la pianta ha foglie completamente sviluppate. Se le carote dovranno essere conservate, la raccolta va effettuata nella prima metà di ottobre, per evitare che vengano danneggiate dal maltempo e che il ritardo provochi legnosità alla radice.

Conservazione

Separare fin da subito quelle più malandate e consumarle subito, lasciarle insieme a quelle buone non è consigliabile poiché quelle danneggiate tendono subito a marcire. Togliere la terra e tagliare le foglie più basse possibili, assicurarsi che il luogo per la conservazione sia ben ventilato e secco e lontano dal gelo.

Malattie, parassiti e avversità

Insetti che possono attaccare l’apparato fogliare: Psilla rosae, Aethes williana, Melolontha melolontha.
Tra le malattie crittogamiche: Alternaria porri, Alternaria radicina, Sclerotinia sclerotiorum, Rhizoctonia violacea.
Batteri: Erwinia carotovora.

Concimazioni

Effettuare una concimazione abbondante con letame ben maturo prima della semina. Successivamente è possibile integrare ulteriore concime chimico di potassio e fosforo, quantità variabili di azoto verranno somministrati nel periodo vegetativo.

Si possono utilizzare ad esempio perfosfato minerale-19 in dosi di circa 30 g per metro quadro addizionati a solfato di potassio-50 con le stesse quantità. In copertura si utilizza nitrato ammonico-26 con 30 g per metro quadro.

Avvicendamenti e consociazioni

La coltura della carota può essere preceduta da quella aglio, porro e diversi tipi di cereale. Si associa bene a : aglio, aneto, bieta a coste, cipolla, cicoria, porro, lattuga, pisello, rafano, ravanello e scalogno.

Valori nutrizionali

Tutti i valori si riferiscono a 100g di prodotto

Principali
Calorie: 41 kcal Grassi: 0.24 g Carboidrati: 9.58 g Proteine: 0.93 g
Acqua: 88.29 g Ceneri: 0.97 g Fibre: 2.8 g Zuccheri: 4.74 g
Vitamine
Retinolo (Vit. A): 0 mcg Betaina: mg Vitamina A, IU: 16706 IU Vitamina A, RAE: 835 mcg_RAE
Tiamina (Vit. B1): 0.066 mg Riboflavina (Vit. B2): 0.058 mg Niacina (Vit. B3): 0.983 mg Acido Pantotenico (Vit. B5): 0.273 mg
Piridossina (Vit. B6): 0.138 mg Folato alimentare: 19 mcg Folato, DFE: 19 mcg_DFE Folati, totali: 19 mcg
Cobalamina (Vit. B12): 0 mcg Acido ascorbico (Vit. C): 5.9 mg Vitamina D (D2+D3): 0 mcg Colecalcifenolo (Vit. D): 0 IU
Alpha-tocoferolo (Vit. E): 0.66 mg Fillochinone (Vit. K): 13.2 mcg Colina totale (Vit. J): 8.8 mg Carotene, beta: 8285 mcg
Carotene, alfa: 3477 mcg Criptoxantina, beta: 0 mcg Licopene: 1 mcg Luteina + zeaxantina: 256 mcg

Minerali

Calcio: 33 mg Sodio: 69 mg Fosforo: 35 mg Potassio: 320 mg
Ferro: 0.3 mg Magnesio: 12 mg Zinco: 0.24 mg Rame: 0.045 mg
Manganese: 0.143 mg Selenio: 0.1 mcg

Amminoacidi

Arginina: 0.091 g Fenilalanina: 0.061 g Isoleucina: 0.077 g Istidina: 0.04 g
Leucina: 0.102 g Lisina: 0.101 g Metionina: 0.02 g Treonina: 0.191 g
Triptofano: 0.012 g Valina: 0.069 g
Adv.