Ruggine del pero

Descrizione

Si tratta di una malattia crittogamica provocata dal fungo Gymnosporangium sabinae.
La diffusione di questa malattia interessa per lo più coltivazioni di pero diffuse in zone collinari e montane, raramente si registrano casi in zone di pianura.
La diffusione della ruggine del pero si verifica in modo marcato durante le estati molto piovose e caratterizzate da un elevata umidità; in queste condizioni il fungo trova l’ambiente ideale per il suo sviluppo.

Piante colpite

La pianta colpita da questa malattia è principalmente Pero. Il fungo Gymnosporangium sabinae compie il suo sviluppo su due piante, oltre il pero infatti è il ginepro il primo ospite del fungo, su cui si manifestano i sintomi di questa malattia (anche se diversi dai sintomi del pero).

Ciclo di vita

L’agente patogeno di questa malattia ovvero Gymnosporangium sabinae è un organismo eteroico. Ciò significa che per completare il suo intero ciclo si sviluppo il fungo necessita di un altro ospite (pianta).
Sulle specie del genere Juniperus (Ginepro) il fungo compie il suo primo ciclo di sviluppo, durante l’inverno rimane sulla pianta per poi nel periodo primaverile liberare le basidiospore che trasportate dal vento raggiungono le piante di pero.

Danno da ruggine del pero, questa è la tipica manifestazione del fungo sulla pagina superiore della foglia.
Danno da ruggine del pero, questa è la tipica manifestazione del fungo sulla pagina superiore della foglia.

Nel periodo autunnale iniziano a formarsi sulle foglie gli ecidi che cominciano a produrre nuove spore che trasportate dagli agenti atmosferici raggiungono nuovamente le piante di ginepro, il fungo conclude così il suo ciclo biologico.

Danni

I primi segni dell’infestazione da ruggine si registrano sulle foglie. È possibile vedere sulla pagina superiore delle foglie delle macchie di color ruggine di dimensioni variabili da circa 0,5cm a 2-3cm la loro forma è tipicamente ovale o tondeggiante. Sulla pagina inferiore invece, in corrispondenza delle macchie si osservano delle escrescenze chiamate ecidi che non sono altro che il corpo fruttifero del fungo. Gli ecidi hanno sulla superficie diversi coni di colore bianco lunghi qualche millimetro. La forma ecidica del fungo è chiamata Roestelia cancellata.

Oltre le foglie anche i rami e i frutti possono essere colpiti dal fungo. Anche se non sempre ciò avviene, soltanto in casi di massiccia infestazione si possono osservare sui rami delle escrescenze irregolari globose. Sui frutti invece si registrano delle piccole macchie di color ruggine.

ruggine-pero-ecidio-2

Le piante di pero colpite da ruggine hanno una produzione fruttifera stentata, i frutti sono inoltre di piccole dimensioni rispetto al normale, se l’infestazione è molto marcata le foglie possono cadere del tutto con danni sia alla produzione che alla pianta.

Metodi di difesa

Data la natura del fungo raramente si registrano casi di infestazione intensa. Come metodo preventivo è possibile tenere una distanza adeguata tra le specie di Ginepri e le pomacee (pero) in modo da evitare la contaminazione. In genere una distanza minima per evitare il contagio deve essere circa 100-150 metri. Mantenere le piante di Ginepro in buono stato e praticare i relativi trattamenti di prevenzione e lotta alle malattie.

Se l’infestazione è contenuta è possibile rimuovere manualmente le foglie infette e gli eventuali rami, allontanandoli dalla coltura e bruciandoli.

I metodi di lotta contro questa malattia prevedono l’utilizzo di prodotti ad ampio spettro come prodotti rameici, in particolare sulla pianta di pero, i trattamenti effettuati nel periodo estivo contro altre malattie fungine più comuni possono avere un effetto secondario anche contro la ruggine del pero.

Tuttavia se le piogge sono frequenti l’azione dei prodotti rameici può essere vanificata, in questo caso è opportuno valutare bene il numero di trattamenti e il momento opportuno in cui praticarli.

Per le piante di Ginepro e le Cupressacee è possibile impiegare prodotti specifici contro il trattamento della ruggine come Bitertanolo e Ciproconazolo.

Adv.