Cidia del pesco, Cydia molesta

Descrizione

La Cidia del pesco è un piccolo lepidottero che misura tra i 10 e i 15 cm di apertura alare. Le larve hanno una colorazione ocracea e hanno una lunghezza compresa tra i 10 e i 14mm.

Piante colpite

Le piante colpite dalla Cydia molesta sono diverse Drupacee e Pomacee sono soggette quindi anche il melo, pero, pesco, albicocco, ecc.

Ciclo di vita

Nell’areale italiano la Cydia molesta conduce dalle 4 alle 5 generazioni annuali. La larva a completa maturazione passa l’inverno tra i resti alla base del terreno o poco più in profondità o ancora sotto la corteccia dei fruttiferi. Lo sfarfallamento degli adulti avviene in estate.

Danni

I danni immediatamente visibili sono a carico dei frutti con un essudato gommoso e grumoso che è possibile verificare non solo sul frutto ma anche sui giovani germogli in formazione. I frutti vengono deprezzati per via delle gallerie e dello scarto a cui sono soggetti.

I frutti soggetti ad attacco favoriscono l’insediamento di varie malattie fungine prima tra tutte la moniliosi.

Il danno da parte delle larve si registra sia in fase di ripresa vegetativa invernale della pianta sia più tardi in estate.

Sulle pomacee il danno è più contenuto ma comunque presente anche se difficilmente attaccano la polpa interna.

Metodi di difesa

Contro la Cydia molesta la lotta è di tipo chimico soprattutto per il gran numero di specie fruttifere di cui si nutre. Prima della lotta diretta però c’è l’analisi mediante l’utilizzo di trappole a confusione sessuale e di conta degli adulti per effettuare in modo mirato i trattamenti chimici.

cidia del pesco Cydia molesta larva

Le trappole dotate di feromoni sono in grado di attrarre gli adulti e di effettuare così in seguito un conteggio in vari intervalli di tempo.

Le soglie di intervento variano sia in base alla specie fruttifera che al luogo di impianto del frutteto. nella tabella seguente viene schematizzato la presenza degli adulti e il relativo periodo di intervento.

Numero di adulti catturati per trappola Intervallo di tempo Generazione di Cydia molesta Prodotto da utilizzare
10 7 giorni 2° generazione Carbaril o prodotti Chitino-inibitori
7 7 giorni 3° generazione Fosalone o prodotti Chitino-inibitori
3 7 giorni 4° generazione Triclorfon o prodotti Chitino-inibitori
3 5-6 giorni 5° generazione Triclorfon o prodotti Chitino-inibitori

Un altro tipo di intervento più volto all’agricoltura biologica è l’impiego di trappole a confusione sessuale che vanno installate già dal mese di marzo o a fine febbraio. L’obiettivo è quello di l’imitare o non includere proprio l’utilizzo di prodotti chimici.

Queste trappole sono utili e possono essere utilizzate anche contro l’anarsia del pesco.

Adv.